I monumenti Spinola.pdf

I monumenti Spinola

F. Simonetti, G. Zanelli (a cura di)

Il volume pubblicato in occasione del sessantesimo anniversario della donazione da parte dei marchesi Paolo e Franco Spinola (31 maggio 1958), raccoglie un insieme di contributi che, partendo dallo studio delle personalità di Giacomo Spinola (1780-1858) e Francesco Gaetano Spinola (1819-1905), si sono concentrati sullanalisi dei monumenti realizzati per la famiglia Spinola da Filippo Solari e Andrea da Ciona e da Francesco Baratta il Giovane, con particolare riferimento alle vicende legate al loro recupero (1826) e ricollocazione (1867) negli ambienti del palazzo di Pellicceria. La sistemazione nellatrio e nello scalone del palazzo delle immagini dedicate al senatore Francesco Maria Spinola (1607ca.-1661), al Cardinale Giulio Spinola (1612-1691) e alleroe di Gaeta Francesco Spinola di San Luca (m. 1442) fu una scelta compiuta nel corso del XIX secolo dalla famiglia per celebrare i propri avi. Inoltre tale recupero documenta come gli Spinola fossero legati a due realtà cittadine quali la chiesa di san Domenico e il complesso di Santa Caterina di Luccoli, entrambe distrutte nel corso dei primi dellOttocento.

Chiese, edifici e monumenti Chiesa di S. Caterina . Le origini della chiesa risalgono al 1843,quando i pescatori del litorale geracese fondarono il primo luogo di culto nella borgata marina, n un locale attiguo ad un fabbricato per lo smercio del sale,concessso loro in uso dal Comune di Gerace. Nel cuore della Genova medievale, mentre si cammina tra stretti carruggi, una volta giunti nello slargo di piazza della Pellicceria, ci si imbatte nell’ imponente e nobile palazzo Spinola, oggi sede della Galleria Nazionale.L’edificio fu fatto costruire nel 1593 da Francesco Grimaldi, e poi passò, sempre per via ereditaria, alla famiglia dei Pallavicini, poi a quella dei Doria, dei

7.64 MB Dimensione del file
8863735646 ISBN
I monumenti Spinola.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.fattorialarondine.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Acquista I monumenti Spinola - Sagep Editori. EMERGENZA COVID-19: I TEMPI DI CONSEGNA POTREBBERO ESSERE PIU' LUNGHI DEL NORMALE NELLA TUA AREA

avatar
Mattio Mazio

Nel cuore della Genova medievale, mentre si cammina tra stretti carruggi, una volta giunti nello slargo di piazza della Pellicceria, ci si imbatte nell’ imponente e nobile palazzo Spinola, oggi sede della Galleria Nazionale.L’edificio fu fatto costruire nel 1593 da Francesco Grimaldi, e poi passò, sempre per via ereditaria, alla famiglia dei Pallavicini, poi a quella dei Doria, dei I Monumenti Spinola a cura di Farida Simonetti e Gianluca Zanelli. Il volume pubblicato in occasione del sessantesimo anniversario della donazione da parte  ...

avatar
Noels Schulzzi

Monumenti e locali a Via Carlo Spinola, Roma

avatar
Jason Statham

26 mag 2018 ... Il 31, alle 11, ci sarà una conferenza che tratterà vari aspetti legati al museo con la presentazione di un volume sui monumenti Spinola. I Monumenti. PALAZZO SPINOLA. Il Palazzo Marchionale Spinola sorge nel Comune di Isola del Cantone, alla confluenza tra Scrivia e Vobbia, nell' area detta ...

avatar
Jessica Kolhmann

Villa Spinola Grimaldi è una abitazione nobiliare costruita intorno al 1604, oggi è di proprietà del Comune di Lavagna, ma è stata la residenza di alcune tra le più prestigiose famiglie nobiliari genovesi. Secondo alcune fonti la Villa ha ospitato anche il principe Francesco II delle Due Sicilie insieme a sua moglie Maria Sofia di Baviera che erano in fuga da Napoli. Negli anni straordinari fra Rinascimento e Barocco, i nobili genovesi fanno progettare e costruire una serie di palazzi ricchissimi in Strada Nuova, oggi via Garibaldi, creata dal nulla come teatro della loro magnificenza; e rinnovano le decine di residenze familiari che già esistevano nel centro storico della città.. Genova si arricchisce di magnifiche facciate con decorazioni in stucco