Il battistero di S. Giovanni in Laterano.pdf

Il battistero di S. Giovanni in Laterano

Alessandro Ippoliti

Lautore, partendo dalla pubblicazione integrale di trentanove nuovi documenti conservati nellArchivio del Capitolo di San Giovanni in Laterano riguardanti gli imponenti lavori di restauro eseguiti tra il 1624 ed il 1635 da Urbano VIII (Maffeo Barberini, 1623-1644), si cimenta - con il raffinato metodo di indagine a lui familiare - nella rilettura delle strutture murarie in stretto dialogo con le fonti storiche, bibliografiche e, per lappunto, archivistiche, offrendo una sintesi aggiornata delle complesse fasi edilizie delledificio. In particolar modo Ippoliti soffermandosi sullintervento barberiniano riporta, con uno stringente e convincente ragionamento, fatto di riferimenti di archivio e di lettura incrociata di fonti bibliografiche, il secondo livello della trabeazione interna del Battistero al pontificato di Paolo III (Alessandro Farnese, 1534-1549). Indubbiamente si tratta di dati fondamentali che Ippoliti stesso abilmente compone, come tessere di un mosaico, tratteggiando un quadro molto articolato che, con acute argomentazioni, gli permette di ripercorrere la storia del monumento. Anzi, la necessaria e più consistente parte documentaria del volume fatta di fotografie, rilievi e documenti, diventa un supporto essenziale e un utile commento visivo alla parte testuale e bibliografica nella quale si sviluppa il ragionamento.

Il battistero di san Giovanni in Fonte, detto anche lateranense, è uno dei più antichi battisteri della cristianità, fatto costruire dall’imperatore Costantino (306 – 337) su un ninfeo di proprietà della famiglia Laterani. Venne quasi completamente ricostruito sotto il papa Sisto III (432 – 440) che que' che son nel mio bel San Giovanni, fatti per loco de' battezzatori" (Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno, XIX canto, versi 16-18) Il Battistero di San Giovanni è una delle più antiche chiese di Firenze, posto di fronte alla Cattedrale della città, la chiesa di Santa Maria del Fiore.

8.74 MB Dimensione del file
884923175X ISBN
Il battistero di S. Giovanni in Laterano.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.fattorialarondine.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

da Giovanni IV. per collocarvi il corpo di s. Venanzio con altri santi Martiri, che si vedono rappresentati nel mosaico della tribuna; in oggi evvi un nobilissimo altare  ...

avatar
Mattio Mazio

... battistero lateranense, ... Battista e di S.Giovanni ...

avatar
Noels Schulzzi

24 set 2007 ... La storia medioevale. Nel corso della sua storia, la basilica di S. Giovanni in Laterano subì frequenti campagne di restauro; in questa sede ci si ... Storia: Il Santuario è Cattedrale Papale Arcibasilica Romana Maggiore del Santissimo Salvatore e dei Santi Giovanni Battista ed Evangelista al Laterano, madre di ...

avatar
Jason Statham

Battistero di San Giovanni in Laterano - Roma: l'opinione della Guida Verde Michelin, info pratiche, mappa e calcolo d'itinerario per il tuo viaggio Roma.

avatar
Jessica Kolhmann

Il battistero fa parte del complesso di San Giovanni in Laterano. In questo anno particolare assume un significato ancora più grande ricordandoci che da battezzati siamo sempre in missione. Questo è L esempio di battistero medievale ripreso ovunque. Maestoso. Trasmette bellezza. Il Battistero Lateranense di San Giovanni in Fonte, si trova a piazza San Giovanni in Laterano, fatto costruire da Costantino che lo realizzò dalla trasformazione di un ninfeo appartenente ai Laterani, era uno dei due Battisteri di Roma l'altro era al Vaticano, venne poi ricostruito da Papa Sisto III, al soglio dal 432 al 440, l'aspetto attuale si deve al restauro di Papa Urbano VIII nel 1637