La forma dellincompiuto. Quaderno, abbozzo e frammento come opera del moderno.pdf

La forma dellincompiuto. Quaderno, abbozzo e frammento come opera del moderno

Bruno Pedretti

Come è emerso in epoca moderna il concetto di opera darte e dellingegno quale forma dellincompiuto? Le varie tradizioni artistiche e letterarie del quaderno di meditazioni e dellabbozzo pittorico, del frammento filosofico e del taccuino di viaggio, del collage visivo e del diario autobiografico mostrano come il declino dello statuto tecnico e finalistico dellopera abbia aperto la strada a uno statuto viceversa cognitivo delle forme espressive moderne, nelle quali - secondo la definizione di Heinrich von Kleist - il pensiero viene parlando. Per affrontare questa profonda trasformazione culturale, il volume procede anchesso a frammenti che propongono incursioni tra le fonti artistiche, letterarie e filosofiche che meglio restituiscono il rovesciamento del significato delle opere da teleologico in processuale, non finito, rapsodico e memorialistico, così come esso si manifesta in autori che spaziano da Montaigne a Leopardi e Valéry, da Baudelaire a Wittgenstein e Benjamin, dallimpressionismo al Surrealismo e allarte gestuale. Il declino della verità finalistica delle opere che doveva portarle - come ha scritto Friedrich Nietzsche - dalla perfezione al divenire, viene infine analizzato nella deriva verso lindistinto tra arte e vita, tra finzione e realtà che segna molti fenomeni culturali contemporanei.

Il clou di quei falsi era costituito dai tre abbozzi dell'Infinito e dal successivo ... leggere, con immutato profitto, nei suoi Frammenti critici leopardiani (Napoli, Edizioni ... L'unico periodo della vita e dell'attività del Leopardi che si salvava ai suoi ... un altro che, con lievi varianti di forma, ricorreva nello Zibaldone, come si poté.

4.72 MB Dimensione del file
8860081122 ISBN
La forma dellincompiuto. Quaderno, abbozzo e frammento come opera del moderno.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.fattorialarondine.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

La forma dell'incompiuto. Quaderno, abbozzo e frammento come opera del moderno, Utet Università, Torino 2007. - (A cura di / Edited by) “Quaderni ...

avatar
Mattio Mazio

La forma dell'incompiuto. Quaderno, abbozzo e frammento come opera del moderno: Come è emerso in epoca moderna il concetto di opera d'arte e dell'ingegno quale forma dell'incompiuto?Le varie tradizioni artistiche e letterarie del quaderno di meditazioni e dell'abbozzo pittorico, del frammento filosofico e del taccuino di viaggio, del collage visivo e del diario autobiografico mostrano come il

avatar
Noels Schulzzi

La prima Madame Bovary è un libro di Gustave Flaubert pubblicato da Medusa Edizioni nella collana Le porpore: acquista su IBS a 36.10€!

avatar
Jason Statham

In un libro prezioso, La forma dell'incompiuto (Utet 2007), Bruno Pedretti, ha messo in evidenza come, dal punto di vista letterario, il segno più vero e incisivo dei nostri tempi sia dato dal «mondo fluttuante» del quaderno di meditazioni, dalla «dissolvenza» dell'abbozzo e del frammento: il rovescio di quella che Adorno chiamava l'«opera a tutto tondo». Così come i fenomeni organici sono relativamente stabili, così vi sono fenomeni disorganici che non per questo sono meno stabili ed autonomi, fenomeni da considerare opere a tutti gli effetti (sull'argomento:"La forma dell'incompiuto. Quaderno, abbozzo e frammento come opera del moderno" di Bruno Perdetti, Utet-Università, Torino 2007).

avatar
Jessica Kolhmann

Un frammento di vita, a c. A. Cortese, 5 voll, Torino, Adelphi 1976-89, tomo I). L’opera venne quindi rappresentata regolarmente ogni anno fino al 1839; nel 1845 tornò di nuovo sulle scene (cinque rappresentazioni tra febbraio e maggio). Parrà strano, ma nell’ormai smisurata bibliografia critica leopardiana non si trova ancora una spiegazione adeguata e convincente delle ragioni che indussero Leopardi ad intitolare il suo capolavoro prosastico Operette morali.Mi riferisco specialmente a quell’aggettivo «morali», così chiaramente esibito nel titolo, che, come la lettera di un celebre racconto di Poe, è stato finora