Tradizione corsiva e tradizione libraria nella scrittura latina del Medioevo (rist. anast.).pdf

Tradizione corsiva e tradizione libraria nella scrittura latina del Medioevo (rist. anast.)

Emanuele Casamassima

Sfortunatamente, oggi, domenica, 26 agosto 2020, la descrizione del libro Tradizione corsiva e tradizione libraria nella scrittura latina del Medioevo (rist. anast.) non è disponibile su sito web. Ci scusiamo.

Emanuele Casamassima (Roma, 14 marzo 1916 – Firenze, 12 settembre 1988) è stato un paleografo italiano, fra i più eminenti del XX secolo.. Entrato nella carriera bibliotecaria nel 1949, si occupò prevalentemente di biblioteconomia e codicologia.Si mise presto in luce per capacità organizzativa tanto da essere nominato nel 1965 direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

5.34 MB Dimensione del file
8882470377 ISBN
Gratis PREZZO
Tradizione corsiva e tradizione libraria nella scrittura latina del Medioevo (rist. anast.).pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.fattorialarondine.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

NICCOLI, Nicolò. – Nacque a Firenze nel 1365, come si deduce dal Catasto del 1430, in cui risulta di anni 65 (Arch. di Stato di Firenze, Catasto 1430, f. 275v), primogenito di Bartolomeo, figlio a sua volta di un oste di Pistoia. Bartolomeo, che ebbe altri 5 figli (Piero, Iacopo, Bernardo, Giovanni e Vittorio), era cittadino fiorentino e apparteneva al ramo meno abbiente della ricca A partire dal IV secolo divenne scrittura libraria e proseguì fino all’alto Medioevo. Le lettere sono staccate. Rispetto alla semionciale antica, la A è più rotonda, la G ha un tratto superiore perfettamente orizzontale (si veda la prima riga, terza lettera da dx. nella immagine seguente) e l’inferiore curvato ad S, la T ha l’asta verticale curva, la N segue il modello capitale.

avatar
Mattio Mazio

Medioevo Ristopub, Latina: su Tripadvisor trovi 18 recensioni imparziali su Medioevo Ristopub, con punteggio 2,5 su 5 e al n.487 su 585 ristoranti a Latina. CASAMASSIMA Emanuele, Tradizione corsiva e tradizione libraria nella scrittura latina del Medioevo, Roma 1988. CASTAGNETTI Andrea, Arimanni e signori dall'età postcarolingia alla prima età comunale , in Strutture e trasformazioni della signoria rurale nei secoli X-XIII , a cura di Gerhard Dilcher e Cinzio Violante, Bologna 1996, pp. 169-285 (Annali dell'Istituto storico italo-germanico, 44).

avatar
Noels Schulzzi

Tradizione corsiva e tradizione libraria nella scrittura latina del Medioevo, rist. dall'ed. 1986. Autore: Emanuele Casamassima. Pagine: 186, [30] tav. Formato: ...

avatar
Jason Statham

Paolo Chiesa. La letteratura latina del medioevo. Un profilo storico. Edizione: 2017 Ristampa: 1^, 2018 Collana: Studi Superiori (1090) ISBN: 9788843088881

avatar
Jessica Kolhmann

02/06/2013 · Alcuni di questi manoscritti sono ritenuti particolarmente preziosi. È da notare che la scrittura chiamata semionciale non deriva dall'onciale ma dalla nuova corsiva romana e che le scritture nazionali che vennero sviluppate dopo la caduta dell'Impero romano (lombarda, visigotica, merovingia, insulare ecc.) discendono principalmente da questa nuova corsiva o dalla semionciale per le scritture