Vesuvio nun se ne fotte proprio (O).pdf

Vesuvio nun se ne fotte proprio (O)

Massimo Gregori Grgic

Sfortunatamente, oggi, domenica, 26 agosto 2020, la descrizione del libro Vesuvio nun se ne fotte proprio (O) non è disponibile su sito web. Ci scusiamo.

Chi t’ha ditto ca nun può scassà tutto chello ca te fà ‘ncazzà’ Guagliò ma che te ne fotte ‘a vita è sulo culo rutto e niente cchiù: Che te ne fotte (Vai mo’, 1981) Mo basta pecchè si troppo strunzo pè parlà: Mo’ basta (Bella ‘mbriana, 1982) e stu bacone nun se ne fotte ‘e niente ccà ascimmo pazzi si prejammo sempe

7.85 MB Dimensione del file
8890434406 ISBN
Vesuvio nun se ne fotte proprio (O).pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.fattorialarondine.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Tra i romanzi, oltre a “Liteutos”, ha scritto: “Quote latte rosso sangue” (Felici Editore 2007), un noir di ambiente agricolo-politico; “O’ Vesuvio nun se ne fotte proprio” (Esse Editore, 2009), un romanzo-affresco sull’eruzione del Vesuvio; “Avviso di pericolo”, romanzo di mare pubblicato a puntate nell’arco di un anno da International Sea Press sulla rivista “Barche

avatar
Mattio Mazio

Amico trase e penza ca cca’ nun se fa credenza, ‘a facette na’ vota, perdette l’amico e nun fuie pavate. Amico, entra e considera che qui non si fa credito, lo feci una volta, persi l’amico e non fui pagato. A prestare soldi a un amico, può capitare che si perdano sia i soldi che l’amico. “U Vesuvio,… tengo paura r’u Vesuvio. Ogni notte da quando ero bambino ho paura della montagna. Penso che potrebbe scoppiare e fare tanti morti e poi è falsa e maligna chella muntagna là. Io dormo proprio sotto la montagna con la testa rivolta al cratere e la sento di notte che mi parla e la vedo che mi guarda oltre i muri.”

avatar
Noels Schulzzi

BModifica. Basta cu' 'a malincunia! Parlammo 'e cose allegre! Comm'è stato 'o funerale 'e Don Ciccillo? Basta con la malinconia! Parliamo di cose allegre! Nun vàlene tanta sunate 'i campane, quant'a na bona calata 'i sole! ... Quànno 'o cùlo se fa pesànte ce ne iàmmo p'e sànte. ... Chi chiagne fotte a chi ride.

avatar
Jason Statham

La Rumba degli Scugnizzi è un brano della tradizione popolare napoletana, inciso dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare, contenuti nella riedizione dell'album eponimo pubblicata nel 1972.In quel periodo la band napoletana si faceva conoscere per la loro ricerca musicale legata allo stile originale partenopeo, partecipando con successo a due edizioni del Festival dei Due Mondi di Spoleto.

avatar
Jessica Kolhmann

Amico trase e penza ca cca’ nun se fa credenza, ‘a facette na’ vota, perdette l’amico e nun fuie pavate. Amico, entra e considera che qui non si fa credito, lo feci una volta, persi l’amico e non fui pagato. A prestare soldi a un amico, può capitare che si perdano sia i soldi che l’amico.